Cioccolato

IIl cioccolato un alimento adeguato se si sa cosa contiene, non idoneo per tutti i gruppi sanguigni ed in caso di alcune malattie! Sul cioccolato si possono scrive almeno due libri per gli articoli presenti in letteratura scientifica, ma mi limiterò in una strettissima sintesi.
 
Cioccolato fondente (100gr)    Dolce      amaro
Carboidrati (g) 60.4 29.84
Proteine (g) 3.9 12.9
Fibre (g) 5.5 16.6
Zuccheri (g) 51.48 0.91
Caffeina (mg) 66 80
Teobromina (mg) 426 12
   La dose di caffeina al giorno in una dieta equilibrata di norma non deve superare i 300 mg, anche se a tal riguardo esistono pareri contrastanti. Questo vali in soggetti senza patologie attive.
Per tale raggione occorre ragionare in effetto cumulativo sugli alimenti assunti. Nei bambini in linea di massima sono 100 mg die limite facilmente raggiungibile con un pezzo di cioccolato o con una lattina di coca cola. State all'occhio,
Nel gruppo O la caffeina fa aumentare maggiormente pressione arteriosa e frequenza cardiaca!
In sogetti intolleranti bastono 100-200 mg a scatenare insonnia, cefalea, stato ansioso, irritabilità e vampate di calore! Dunque state all'occhio. Il cioccolato fondente in piccole dosi fa bene, ma se a questo aggiungiamo the, caffe, ed altro adesso in tante bibite ma anche in farmaci la caffeina viene aggiunta con facilità per gli effetti specifici.Occorre segnalare che con l'uso abituale si stabilisce una certa tolleranza nei confronti del caffè.
Vediamo quando controindicata la caffeina e dunque il cioccolato fondente: ulcera gastrica o duodenale, gastrite, malattia da reflusso, ipercolesterolemia, cardiopatia ischemica o ipertensiva, ipertensione arteriosa, aritmie cardiache, abuso di fumo o altre sostanze psicoattive, gravidanza, mastopatia fibrocistica, glaucoma, malattie neurodegenerative.
 
Un cioccolato fondente classico contiene circa un 50% di cacao ed è dolce, quello con almeno il 70% o meglio il 90% è amaro, ma attrae il sapore. Perchè?
D'inverno il calo di vitamina D, viene compensato da un calo di serotonina, con stanchezza e calo dell'umore, numerosi studi dimostrano il ruolo positivo del ciocolato per questi aspetti. Esso è ricco dell'amminoacido triptofano che stà alla base della sintesi di serotonina e non solo!
Il cioccolato dei supermercati ha subito un processo di tostatura, non è crudo.
Il trattamento produce anomalie biochimiche nelle molecole, dunque dobbiamo trovare il cioccolato che sull'etichetta c'è scritto crudo.
Studi hanno dimostrato alti livelli di cadmio e piombo in almeno trenta cioccolati commerciali, sia fondente, che bianco, che al latte. Ricordo in tal momento che il cioccolato al latte ed il bianco facilitano l'insorgenza di litiasi della colecisti (calcoli al fegato).
Questi livelli come anche i livelli di mercorio evidenziati dagli stessi studi, sono dovuti all'abuso di pesticidi nelle coltivazioni di cacao, dunque occorre cercare del cioccolato biologico vero!
La prima volta che Cristoforo Colombo portò in Spagna la bevanda Maya chiamata xocolati, era amara e speziata con cannella, vaniglia e peperoncino.
Il cioccolato mangiato con assiduità causa dolori tendinei, cefale, aumento pressione arteriosa e frequenza cardiaca, peggiora le malatte autoimmunitarie e da osteoporosi! Dunque un po' va bene l'eccesso come n tutti i casi storpia.
Il cioccolato come i legumi contengono i fitati che impediscono ai metalli organici di assorbirsi. Dunque non ne abusate un po' se biologico, crudo e buono in altro caso ogni tanto senza eccessi, ma sempre rapportato al vostro stato di salute, ovviamente alcuni gruppi come lo zero e meglio che lo vedano con la lente.
Il cioccolato al latte ancor peggio quello bianco, continene zucchero e latte,... noti alimenti facilitatori dei tumori e di malattie infiammatorie intestinali come le MICI.
E' un alimento ricco di antiossidanti e dunque benefico per la salute, ma non bisogna eccedere. 7,5 gr di cioccolato al giorno hanno un effetto cardioprotettivo, specie se crudo e biologico.
Alla base della reazione di antiossidazione ed antiage esistono i flavonoidi di cui il cioccolato ne è ricco rispetto ad altri alimenti, il cioccolato crudo è stato considerato un super-alimento.
Nei pazienti cirrotici il cioccolato in piccole dosi ottimizza la funzionalità epatica e migliora l'afflusso sanguigno e protegge i vasi.
I polifenoli del cacao riducono il rischio di cancro al colon-retto.
Ricco di olio oleico come l'olio d'oliva con le sue caratteristiche qualità antiossidanti. Questo previene il rischio di diabete ed obesità.
Migliora l'umore e rallenta l'invecchiamento cerebrale, migliora la sindrome premestruale.
Dunque la letteratura è ricca di lavori a tal proposito, questa è una breve sintesi, per far capire che fa bene, ma ha anche effetti negativissimi se si abbusa! Duneuq mangiatelo senza eccedere un quadratino al giorno o a giorni alterni e non la sera sicuramente fa stare meglio eda ha un azione anticancro ed anti-invecchiamento.
Buona navigazione.
Alberto Cataldi