Obesità

L'obesità è considerata dall'OMS una pandemia e si sviluppa prevalente nei paesi sviluppati.
I prima casi documentati di obesità patologica risalgono all'antichità Ippocrate riferiva questa malattia al cibo, all'epoca i casi venivano considerati rari. Nel 1600 i ritrattisti iniziarono a documentare con i dipinti alcunifacoltosi obesi, correlando sempre questo stato all'eccesso alimentare alla riduzione dell'attività fisica. Dal punto di vista epidemiologico l'obesità è inizia a diventare una pandemia con l'inizio del ventesimo secolo, da questo momento in poi c'è stata una salita esponenziale di persone obese. L'aspetto èù grave che nel nostro secolo l'obesità sta aumentando non solo negli animali domestici, ma anche nei bambini! Le madri stesse alimentandosi in maniera scorretta durante la gravidanza predispongono i neonati a malattie metaboliche, tra queste l'obesità.
La società si è dovuta adattare alla crescente comparsa di obesi, a tal punto che sono stati adattati i voli aerei, gli uffici, le ascensori, etc. ad esempio la richiesta di posti per obesi nel nostro secolo sulle linee aeree è aumentato a tal punto da far perdere milioni di euro alle compagnie che utilizzano tali strategie. Si sono formate delle società per la tutela dell'obesità, facendo quasi capire agli altri che essere obesi è un aspetto positivo!
Ma capite quanto commercio vi è dietro all'obesità? Chi ci ha resi obesi, chi ha garantito la presenza di fast food, di macchinette per alimenti surrogati?
L'incremento delle bevande dolcificate, l'incremento di cibi stracarichi di zuccheri, la presentazione di dolci a tutte le ore del giorno e tanto altro ancora,basta guardarsi intorno.
Ricordatevi che la vita è questa, almeno se la rapportiamo al nostro stato materiale, dunque se vogliamo vivere bene non dobbiamo scaricare le nostro pulsioni emotive sul cibo. I cibi zuccherini o elaborati oltre alle calorie che vi fanno assumere vi espongono a varie patologie tra cui i tumori. Oramai è acclarato che i livelli di colesterolo sono correlati al tumore. Cosa state aspettando? La sindrome metabolica innescata nel sovrappeso a parità di condizione genetica è una sindrome subdola ed a volte la gente se ne accorge perchè viene ricoverato per un infarto! Ma dobbiamo arrivare a questo per iniziare a capire che l'aumento di peso è deleterio per la salute umana?
Addirittura sono stati fatti studi clinici per dimostrare un effetto protettivo dell'obesità sul cuore, ma dopo si è visto che la protezione non esiste in quanto l'approccio più aggressivo nel paziente obeso da parte dei curanti, il calo ponderale durante i ricoveri e il cambio di stile alimentare erano i fattori che davano una relativa protezione.
Invece questa protezione non si è mai notata, nelle apnee notturne, nelle broncopatie asmatiche e nell'ipetensione arteriosa e polmonare.
Dunque solo se il calo del peso rientra in un peso ideale si riuscirà a contrastare l'obesità.
A questo punto voglio farvi notare un banale concetto, tutti quelli che si sono avvicinati anche per un anno alla dieta del gruppo, sono calati di peso in maniera importante, con un adeguato adattamento metabolico. Allora voglio sottolinearvi ll'importanza delle associazioni alimentari ed il ciclo metabolico circardiano per ridurre il vostro peso.
Dopo questa breve premessa introduttiva guardiamo alcuni aspetti tecnici.
L'obesità viene oramai a livello mondiale classificata in base all'IMB (rapporto tra il peso in chilogrammi ed l'altezza al quadrato espressa in metri) o indice di massa corporea.
Minore a 18,5 si parla di sottopeso
tra 18,5 e 24,9 peso ideale
tra i 25 ai 29,9 di sovrappeso
tra i 30 ed i 30 ed i 34,9 obesità di I classe
tra i 35 ed i 39,9 obesità di II classe
> ai 40 di obesità di III classe
Nei bambini ed adolescenti l'obesità si valuta quando il peso supera il 95° percentile in rapporto all'età.
Vediamo alcune malattie correlate all'obesità;
Cardiologiche-Vascolari: ipertensione arteriosa, infarto miocardico, ateromasia coronarica, trombosi venosa in vari distretti, angina pectoris, cardiopatia ipertensiva, cardiopatia ischemica cronica. Arteriopatia cronica ostruttiva periferica in vari distretti (carotidi, arti inferiori, vasi cerebrali, etc).
Dermatologiche: smagliature, linpedema, linfedema, Acantosi nigricans, Irsutismo, Intertrigine.
Endocrinologiche/metaboliche: diabete mellito, sindrome dell'ovaio policistico, alterazioni mestruali, deficit del nascituro, deficit di sviluppo embrio-fetale e neonatale, Ipotiroidismo, deficit surrenalici, gotta.
Gastroenterologiche: Reflusso gastro-esofageo, Steatosi epatica, Litiasi della colecisti.
Neurologiche: Ictus cerebri, Demenza, Sclerosi multipla, Meralgesia parestetica, Sindrome del tune carpale, emicrania, Ipertensione endocranica.
Oncologiche: Tumore al seno, all'ovaio, all'esofago, al colon-retto, al pancreas, al fegato, utero, cistifellea, stomaco, alla prostata, al rene, Mieloma multiplo, Linfomi non Hodgkin.
Psichiatrica: Depressione, Sindrome del disturbo alimentare.
Pneumologiche: Asma, sindrome delle apnee nel sonno, sindrome da ipoventilazione per obesità.
Ortopediche: deformità articolari da artrosi, dolori osteo-muscolari, lombalgia ricorrente, sindrome da ipomobilità.
Urologiche: impotenza sessuale, ipogonadismo, insufficienza renale cronica, ipogonadismo.
Allora adesso che abbiamo sintetizzato le malattie a cui va incontro uno in sovrappeso e dopo obeso, se continua con uno stile di vita sbagliato, vediamolo dal punti di vista di farmaci e costi.
Farmaci per la pressione, farmaci per il diabete, farmaci per diluire il sangue, farmaci per l'acido urico, farmaci per il cuore, presidi per i distrurbi innescati dal carico, visite mediche sepcialistiche ripetute, esami diagnostici a vari livelli per monitorare lo stato di malattia, esami di laboratorio per valutare la sindrome metabolica e tutto il resto,.... capite che un obeso costa alla società migliai di euro. Dunque fatevi un esame di coscienza, vi lamentate tanto sul sistema sanitario, sull'inefficienza e sull'incapacità di gestire situazioni complesse. Ma iniziamo da noi stessi, cambiamo stile di vita, dedichiamo più tempo allo stare bene e vivere bene e non buttiamo tutto quello che ci capita nel cavo orale, non è una fognatura! In base a quello che mangiate il vostro corpo si comporta o si adatta, genetica o non genetica, se voi cambiate anche il vostro corpo cambierà. Sicuramente la dieta del gruppo vi può aiutare, ma se voi non siete motivati e non usate il cibo per coprire le vostre pulsioni allora non si arriverà a niente. La spesa sanitaria a breve leviterà e non esisterà più una sanità pubblica. Pensate solo venti anni fa vi era una farmacia per paese ed un medico di condotta adesso abbiamo, quadruplicato per non dire di più i medici e le altre figure sanitarie, le farmacie, etc eppure non si riesce a gestire l' immensa mole di malattie, ma capite! Dovete darvi una svegliata, fatevi aiutare a calare di peso, aiuterete in tal modo quelli che hanno ancor più bisogno.

Buona navigazione

Alberto Cataldi