Pepe nero

Il pepe nero è una delle spezie più note, ma di norma tanti ne esaltano le qualità culinarie, ma non gli effetti benefici e collaterali dello stesso. Il pepe nero viene anche utilizzato nella cura del corpo con vari rimedi.
Il pepe nero ha qualità sull’apparato digestive e metabolismo con effetti favorevoli ma transitori sul calo ponderale.

Il pepe nero per la cura del corpo viene utilizzato per lenire i dolori muscolari e per i massaggi rilassanti, prevalente uso esterno.

Se per il mondo occidentale è solo una spezia, per il mondo orientale ed in particolar modo in India per rimedi farmacologici. La medicina ayurvedica lo vede come un rimedio efficace a livello intestinale e metabolico.
La molecola che è alla base delle proprietà di questo alimento è la piperina. Essa promuove la secrezione dei succhi gastrici, questo è il motivo che permette di far digerire meglio agevolando l’assorbimento degli alimenti nel primo tratto intestinale. Questo fa anche capire che nelle persone di gruppo zero, l’assunzione regolare di pepe li espone al rischio di infiammazione dell’apparato intestinale.
Ovviamente questo lo controindica in caso di ulcere intestinali, malattie intestinali infiammatorie croniche e nelle gastriti o duodeniti, oltre al capitolo dell’esofagite da reflusso.
Inoltre stimola anche se in maniera blanda la termogenesi, aumentando la produzione di calore corporeo (questo implica indirettamente un azione stimolatoria sulla ghiandola tiroidea che ne regola la funzione), questo implica che è sconsigliato l’uso regolare in estate, in tale periodo facilita l’epistassi (perdita di sangue dal naso).
Il pepe nero agisce da produttore di muco anche a livello respiratorio è questo l’ha posto come espettorante in varie preparazioni. Ha qualità afrodisiache, ma con un ruolo non ben definito. Anche se alcune richerche lo associano ad un aumento di endorfine corporee e questo lo ha proposto come antidepressivo.
 
Se il pepe è consumato direttamente può causare la morte, specialmente nei bambini (sia la perlina che i cais eccezionali ostruisce la via respiratoria nei piccoli, oltre alla complicazione dell’effetto ipersecretivo locoregionale) inoltre può causare di per se stesso la morte nei neonati e piccoli infanti, sconsigliato dunque in queste età dunque casi ne sono di morte da pepe sono stati osservati anche negli adulti, dunque si consiglia sempre l’uso in piatti caldi che riduce l’effetto venefico.  

Viene utilizzato in preparati esterni per la cute per il trattamento dell’acne e della vitiligine (per la sua azione essiccante) o per massaggi rilassanti. Stimolando le ghiandole sudoripare applicato sulla cute viene utilizzato per liberare il corpo dalle tossine accumulate (effetto rubeolizzante, di cui si consiglia l’applicazioni da parte di esperti in centri specializzati, inoltre è un forte irritante della congiuntva degli occhi, per questo usato insieme al peperoncino in spray urticanti anti-aggressione).
Usato per lenire contusioni, ma viene consigliato con impacchi freddi.


Il pepe nero è ricco di sodio, controindicandolo per l’ipertensione arteriosa. Il pepe interferisce con alcuni farmaci! (ciclosporina A, colinergici, digossina, ed interferisce con il citocromo P450 cambiando la metabolizzazione di moltri farmaci che utilizzano questo citocromo per la metabolizzazione).  
Allora prima di utilizzarlo occorre sentire un parere medico.

In 100 gr di pepe nero sono contenuti: Proteine – 10,39 g; Carboidrati – 63,95 g; Zuccheri –
0,64 g; Grassi – 3,26 g; Fibra alimentare – 25,3 g; Sodio – 44 mg.
Abbiamo altre varietà di pepe: il pepe bianco, il pepe verde, il pepe grigio ed il pepe lungo.
 
Il pepe rosa non è ottenuto dalle piante della famiglia delle Piperaceae, e per questo chiamato anche “falso pepe”.
 
Il pepe bianco si ottiene dal frutto che viene messo a bagno nell’acqua per un’intera settimana prima dell’essiccazione.
 
Il pepe grigio è semplicemente una miscela macinata di pepe bianco e pepe nero.
 
Il pepe lungo è ricavato dalle bacche della specie Piper Longum ed è altrettanto popolare nella medicina indiana.
Il pepe viene utilizzato in vari alimenti come spezia e si preparano anche associazioni con gli agrumi (che a loro volta sono iper-secretivi specie sulle vie respiratorie).

Il pepe in qualsiasi forma è sconsigliato nel periodo estivo.
 
Buona navigazione
Alberto Cataldi