Terapia Linfedema cenni

La terapia del linfedema presenta tre cardini applicabili in vari momenti della malattia: la terapia fisica, la terapia medica e la terapia chirurgica.

Si spera sempre di non dover ricorrere all’'ultimo approccio ovvero la demolizione tissutale per via chirurgica, che rappresenterebbe un fallimento clinico del trattamento.


La terapia fisica:La Calza Elastica standard o su misura. I Bendaggi Elastici. Il Drenaggio Lnfatico Manuale sec Vodden o sec Leduc. La Pressoterapia.

La terapia medica: farmaci servono se usati con criterio, ma l'abuso di ogni specialità medicinale nel tempo può portare a gravi danni sistemici! farmaci anche quelli da banco o da erboristeria devono essere consigliati da esperti nel settore! Un integratore alimentare è un farmaco ed un abuso può degenerare in una tossicosi, molti integratori alimentari interferiscono con i comuni farmaci, spesso non sono adeguatamente testati da studi clinici controllati! Anche in questo caso occorre il controllo del proprio medico di fiducia!

La terapia chirurgica: Non credete ai miracoli della chirurgia sul linfedema, la chirurgia del linfedema è demolitiva e serve in quei casi dove qualsiasi tentativo fisico-medico è fallito, per ridurre e permettere a quella persona di riprendere una certa autonomia. Tra gli interventi ricordiamo: interventi demolitivi, la linfoliposuzione, la scleroterapia, innesti cutanei,...



L'’adeguato sinergismo e tempismo di queste terapie garantirà nel tempo  di non vedere quegli arti giganteschi, che ancora oggi si tendono ad incontrare negli ambulatori.

Ma alla base di questa malattia c’è anche la poca autostima che il paziente ha di se e dunque la tendenza a lasciarsi andare.

Inoltre alla base del trattamento occorre avere la consapevolezza che è una malattia cronica ingravescente (se mal curata) e che non si guarisce, ma si tiene a bada nel tempo.

Non occorre illudersi e non fidatevi di persone che dicono che si guarisce fino ad ora non esiste una terapia risolutiva!...

 

Dr. Alberto Cataldi