tumori alimentazione

PER INIZIARE A CAPIRE!

LE CURE SERVONO, I MIGLIORAMENTI CI SONO, MA BASTA SOLO QUESTO O SI PUO' FARE DI PIU'?

Sicuramente i dati riportati sul grafico della scienza su recenti lavori di sopravvivenza per tumori, hanno un significato positivo n quanto dimostrano che  se uno si cura adeguatamente può sopravvivere di più e gli ultimi dati sono ancora in miglioramento specie in Italia rispetto ad altre nazioni Europee ed Americane (dati ISTAT).

Ma in contrapposizione si osserva che anche la mortalità per tumori è aumentata in concomitanza con il boom alimentare degli anni 50 ad esempio in Giappone con un aumento di mortalità progressivo andamento alimentare.


Questi dati ad esempio dimostrano in Giappone ( tratti da Ganmaa et al. (2001)) dimostrano che nel tempo la mortalità risulta aumentata per tumore, ma indicano che la vendita di latte correla con il tumore della prostata ma anche di carni ed in particolare il Maiale.


Tutti i tumori risentono della dieta in base alle statistiche ISTAT che trovate sul sito dell'ISS (Istituto Sanità Superiore) e sul sito dell'ISTAT. Dunque quando si è malati di cancro va bene la terapia anche se ha tutti quegli effetti collaterali devastanti,.... ma occorre anche sostenere il corpo con un alimentazione adeguata.

Spesso quest'ultimo aspetto viene trascurato!!!

Se sopravviviamo di più, perchè aumenta la mortalità per i tumori?

Se sopravviviamo di più, perchè aumenta l'incidenza di nuovi tumori?

Vuol dire che c'è qualcosa che sfugge alla nostra scienza!!! Ma cosa?

Che sia quello che introduciamo quotidianamente?

Riflettiamo attentamente!

L'iperalimentazione ha dimostrato nel tempo anche effetti favorevoli anche nell'altezza dei soggetti. Che non sia tutta una correlazione tra ormone della crescita e tumori, altamente indiretta, ma se fosse così?


Ma dal 1850 ad oggi cosa è veramente migliorato? L'alimentazione o le condizioni di igiene pubblica e personale?

Ricordiamo che nel primo del 900 si osserva l'inversione tra malattie infettive e tumori, ovvero ottimizzando le condizioni di vita e riducendo la mortalità si evidenziano maggiormente i tumori oppure ne compaiono di più in seguito all'iperalimentazione pro-capite che continua ad aumentare negli anni?

Inoltre la tipologia dei tumori nel 1800 era diversa rispetto ad adesso, e si vedevano meno metastasi e la sopravvivenza era a 3 anni al massimo, è stato l'atto preventivo di anticipare la diagnosi di cancro o l'efficacia delle terapia messe in atto?

Inoltre quando il tumore compare nuovamente a distanza del tempo previsto esempio tumore mammella con recidiva dopo dieci anni, perchè questo è più anaplastico? Per i danni genetici creati dalle precedenti terapie o dal continuare a mangiare determinati alimenti che ne hanno facilitato la comparsa?

Ce ne da riflettere, comunque i dati riportati sono presi da articoli e testi pubblicati su pubmed o ritrovati in biblioteche, oramai dimenticate da tanti!


Doveri del medico:

Il medico non adotta né diffonde pratiche diagnostiche o terapeutiche delle quali non è resa disponibile idonea documentazione scientifica e clinica valutabile dalla comunità professionale e dall'autorità competente.
Il medico non deve adottare né diffondere terapie segrete.

Codice deontologico del medico, articolo 13.

"La diffusione di informazioni non basate su prove scientifiche da parte di operatori sanitari è moralmente deprecabile, costituisce grave infrazione alla deontologia professionale oltre che essere contrattualmente e legalmente perseguibile"
(Istituto Superiore di Sanità e Consiglio Superiore di Sanità)


il metodo scientifico ci impone di verificare i dati osservati e spesso con la confusione che si è creata negli ultimi anni a causa di un scarso controllo secondario ai medici stessi che segnalano poco i casi di falsi guaritori,.... si da terreno facile a tali terapie.


Alimentarsi adeguatamente è un dato che da più di cinquant'anni viene descritto in letteratura scientifica, il mio rammarico è espresso nel: perchè tutt'ora non si spinge la gente ad un alimentazione adeguata pur conoscendo tanti effetti collaterali di determinati alimenti e delle loro associazioni con i tumori?

Come medico ciò mi rammarica!

La gente si fida sempre meno dei dottori, per la loro superficialità e spesso il sistema stesso di lavoro rende il lavoro dei medici insidioso,... rimettiamoci a riguardare tutto quanto!

Dei dati sono stati pubblicati e occorre sbrigliare la testa per iniziare a pensare,... iniziamo a creare nuove idee per spiegare la genesi dei tumori,... tante le abbiamo ad esempio  come determinati alimenti inclusi come causa scatenante ed allora perchè non le mettiamo in atto su scala globale?

Si sa ad esempio che in certi stati il tumore esso correla con lo stile di vita, ma perchè non si spiega chiaramente tale stile di vita e si vede cosa accade?

Sappiamo ad esempio che il fumo da il cancro, ma invece da prevalentemente l'arteriopatia,... allora perchè non si mette sul piatto prima l'arteriopatia che rende invalide tante persone (ictus, ima, amputazioni, demenza,...) e successivamente il cancro che come incidenza pur essendo alta risulta minoritaria se paragonata alla stessa arteriopatia?

Di materiale per riflettere penso di averne buttato tanto sul fuoco, ma spero che gli scienziati riflettano sui cambiamenti,... perchè se continueremo con tale stile di cura, ben presto non basteranno i soldi per curare nessuno!


Buona navigazione.