vitamina D

Sulla vitamina D si parla sempre e solo del metabolismo del calcio ma serve solo a questo?

La vitamina D si forma nel corpo attraverso l'esposizione solare (frequenze 290 nm e 315nm) o con la dieta. Oramai tutta la popolazione Italiana  è carente di tale vitamina e questa si evidenzia di più nel periodo invernale, con la riduzione all'esposizione solare. La dieta è povera di vitamina D, in quanto spesso vengono privilegiati alimenti che ne riducono l'assorbimento o che non ne contengono, tipo dolci, bevande, etc.

Per essere biologicamente attiva (calcitriolo) deve subire una modificazione biochimica nel nostro corpo a livello del Rene e del Fegato, questo implica che le gravi malattie di questi organi portano ad una cattiva produzione di forme attivate. 

La funzione più nota della vitamina D è quella di facilitare il riassorbimento del calcio a livello renale, l'assorbimento intestinale del fosforo e calcio, i processi di mineralizzazione dell'osso, la differenziazione di alcune linee cellulari, alcune funzioni neuromuscolari, la difesa dalle infezioni.

Ricordiamo che la regolazione del calcio e del fosforo nell'organismo avviene insieme all'azione di due altri ormoni: la calcitonina ed il paratormone.

La calcitonina facilita la perdita di calcio nelle urine e la deposizione nelle ossa. 

Il paratormone inibisce il riassorbimento renale dei fostati ed aumenta quello del calcio, inoltre stimola il rene a produrre la forma attiva di vitamina D ed a livello dell'osso promuove la perdita di calcio. 

La bilancia che regola la produzione di calcitonina e di paratormone è il livello sierico del calcio che rappresenta 1% di tutto il calcio corporeo.

La vitamina D stimola la differenziazione dei cheratinociti della cute e  degli osteoclasti ossei ed ha azione antiproliferativa (aspetto ancora in studio).

Alcuni studi dimostrano che stimola l'immunità innata contro gli agenti antimicrobici. 
Alcune ricerche hanno dimostrato che i picchi invernali di sindrome influenzale potrebbero essere correlati ai cali di questa vitamina. (oltre all'assunzione di frutta in un periodo dell'anno che di norma non esiste!)

Vari studi hanno dimostrato che la vitamina D protegge contro il cancro attraverso l'azione antiproliferativa e regolante l'apoptosi (la morte cellulare programmata).

Alcuni studi dimostrano che l'assunzione giornaliera di 4000-8000 UI di vitamina D riduce l'incidenza di tumori alla mammella, al colon, sclerosi multipla e diabete mellito tipo 1.

Vi sono studi che dimostrano che l'aumento di irradiazione solare aumenta la sopravvivenza di soggetti con tumori solidi.

Bassi livelli di vitamina D sono correlati con stati di depressione, ricordiamo che in casi di depressione l'esposizione alla luce solare o la fototerapia migliorano lo stato dell'umore.

Riguardo la sclerosi multipla, si è osservato che aumentando i livelli di vitamina D il numero di ricadute si era ridotto notevolmente.
Recenti studi hanno dimostrato che la forma attiva della vitamina D agisce da immunomodulatore inibendo il processo immunitario TH17 tipico delle forme autoimmunitarie.
Inoltre correla con la riparazione della guaina mielinica in corso di processo autoimmunitario.
Inoltre l'effetto di esposizione al sole ha un effetto benefico nella prevenzione della malattia e delle recidive.

Inoltre ricordate che se assumente del calcio insieme con la vitamina D la forma inattiva non viene convertita in forma attiva (quella che ha tutti gli effetti parzialmente citati)!!!

Questa è una breve sintesi del ruolo della vitamina D nel nostro corpo e non capisco tutt'ora molti colleghi che dicono che è solo una perdita di tempo!


Riflettete su queste parole che sono verificabili su PUBMED a cui tutto il sito si ispira, dopo aver letto e sintetizzato gli articoli essenziali.

Buona Navigazione....

P.S.: a volte nella lettura degli articoli scientifici, anche se non esplicitamente citato, vi sono interessi commerciali, ma vi sono per fortuna, ancora articoli validi a livello mondiale, di persone che ricercano la verità, al fine di curare le persone e non per vendere solo farmaci.